Odontoiatria cosmetica

Il sorriso è la prima cosa che parla di noi agli altri

Per odontoiatria estetica intendiamo tutti i trattamenti che ci permettono di ridare ai denti anteriori forma e colore naturale. La grande attenzione che è dedicata al risultato estetico ovviamente non trascura l’aspetto funzionale. Molte di queste procedure sono utilizzate anche per ricostruire i denti posteriori.

 

Un bel sorriso è valorizzato in primo luogo dal colore dei denti.

Lo sbiancamento dentale professionale

Nel nostro studio utilizziamo una tecnica innovativa che permette in una sola seduta di ottenere risultati eccellenti senza effetti collaterali.
Dopo la seduta d’igiene la procedura di sbiancamento prevede l’applicazione di un gel che si attiva con una lampada a luce ultravioletta.
Il risultato è immediatamente visibile già al termine del trattamento consentendovi di uscire dallo studio con denti bianchi e visibilmente sorridenti.

Guarda come eseguiamo lo sbiancamento professionale in studio

Le otturazioni estetiche

È una procedura odontoiatrica che, attraverso l’utilizzo di compositi, ci permette di ricostruire parti di dente danneggiate dalla carie o da traumi.
Possono essere eseguite sui denti anteriori e su quelli posteriori e non richiedono al paziente particolari precauzioni dopo l’intervento.
I materiali utilizzati sono definiti compositi e, grazie alle loro caratteristiche di colore e consistenza, ci permettono di riprodurre l’aspetto di un dente in modo naturale.
Se utilizzati sui denti anteriori ci permettono di ricostruire anche lesioni che coinvolgono il 40% del dente. Sui denti posteriori sono utilizzati per sostituire le vecchie otturazioni in amalgama troppo scure per un sorriso smagliante.

L’intarsio

L’intarsio è una terapia intermedia tra otturazione e corona. Ci permette di ricostruire denti molto rovinati risparmiando tessuto integro del dente. È una tecnica da preferire prima di fare una corona per mantenere i denti vitali.
Di cosa si tratta nello specifico?
Molto spesso i pazienti con vecchie otturazioni in amalgama scelgono di sostituirle perché tossiche e inestetiche. Per la loro sostituzione è possibile scegliere uno dei nuovi materiali presenti in commercio come zirconio o composito.
L’intarsio va considerato come un’otturazione da eseguire sui denti molari e premolari quando questi sono molto rovinati da non permettere l’otturazione tradizionale.
L’intarsio è preparato in laboratorio su un’impronta eseguita in bocca, dopo che dente è stato preparato con le frese, e richiede una preparazione atta a renderlo ritentivo sul dente quando lo si cementa.
Gli intarsi si dividono in onlay, quando ricoprono tutta la parte occlusale del dente, e inlay, quando sono contenuti all’interno della forma del dente.
Gli intarsi sono una soluzione intermedia tra otturazione e corona.

Faccette e corone estetiche

Hanno lo scopo di ridare forma e colore naturale ai denti molto rovinati. Le due tecniche hanno indicazioni diverse.
Le faccette sono sottili lamelle di ceramica personalizzate che vanno incollate sulla parte frontale del dente con una tecnica definita microinvasiva.
Il loro utilizzo dà risultati eccellenti ma solo nel caso di denti leggermente irregolari, di colore leggermente diverso dagli altri, oppure nei denti fratturati laddove l’otturazione estetica non permette un risultato ottimale.
Non sono indicate nei denti con forma o posizione eccessivamente difforme, oppure nei denti eccessivamente discromici, come pure nei denti devitalizzati, perché lo spessore esiguo della faccetta non sarebbe in grado di mascherare un colore troppo scuro.
Le corone estetiche sono in ceramica o in ceramica e zirconio.
Non contengono metalli scuri al loro interno.
Sono indicate nei denti molto danneggiati o devitalizzati, nei denti fortemente discromici e in tutte le situazioni in cui vogliamo riposizionare un dente nella posizione originaria senza intervenire ortodonticamente.

In entrambi i casi, la naturalezza della porcellana, permette di imitare in modo straordinario il dente naturale, assicurando la perfetta sintesi tra estetica e armonia di forma

Ortodonzia linguale

La possibilità di applicare un apparecchio ortodontico linguale permette ai pazienti più esigenti, per motivi lavorativi o estetici di non provare imbarazzo durante il periodo di trattamento.
L’iniziale difficoltà fonetica dovuta all’interferenza dell’apparecchio con la lingua è solitamente superabile in pochi giorni di adattamento.

Recessione gengivale e ricostruzione

In alcuni pazienti possiamo riscontrare una retrazione gengivale anche consistente nella zona cervicale dei denti.
Le cause sono da ricondurre all’errato spazzolamento dentale, alla scarsa igiene orale, alla parodontopatia.
Le conseguenze sono ipersensibilità dentinale e deterioramento dell’aspetto estetico complessivo del viso.
La recessione altera la proporzione tra dente e gengiva specialmente a livello degli incisivi, dei canini e dei premolari.
In questo caso è indispensabile ricostruire la parte di dente usurata con un materiale composito e successivamente, utilizzando una microchirurgia, innestare del tessuto connettivo autologo che, ricostruendo la gengiva, permette di ricoprire la radice dentale offrendo riparo ai denti sensibili.